Il Disturbo Post Traumatico da Stress

Tutti abbiamo sperimentato, a seguito di un evento da noi vissuto come traumatico, una paura intensa che perdura anche dopo che è cessata l’esposizione al pericolo, una sensazione di profonda tristezza o confusione, magari abbiamo anche sognato che l’evento si ripetesse o abbiamo fatto fatica a prender sonno nei giorni successivi. Abbiamo cioè vissuto uno shock, e abbiamo avuto bisogno di tempo per  elaborare l’accaduto, darci una spiegazione di come possa esser successo, prima di cominciare a star meglio.

In certi casi, però, queste sensazioni sono molto più accentuate, e durano per un periodo di tempo molto lungo, impedendo alla persona una vita normale e causandole una profonda sofferenza.

 

Ciò che è importante sapere è che esistono trattamenti specifici che possono permettere il superamento di tale condizione ed un ritorno alla vita. 

 
 
 
 

Il Disturbo Post Traumatico da Stress può insorgere in seguito ad un evento fortemente stressante, che ha costituito una minaccia per  la propria od altrui vita, o per la propria o altrui integrità fisica (DSM IV). Questi eventi possono riguardare abusi fisici, emotivi o sessuali, condizioni particolari come guerre o disastri naturali, ma anche situazioni apparentemente normali come pratiche mediche (in particolar modo per i bambini), incidenti stradali, lutti.

 

L’individuo spesso vive in uno stato di vigilanza estrema con molta ansia, incubi inquietanti, isolamento sociale. Possono verificarsi dei Flashback molto vividi, che gli fanno rivivere l’esperienza dell’evento. Spesso qualche immagine frammentata dell’esperienza traumatica viene innescata da una situazione attuale che è simile in qualche modo alla situazione traumatica. Insonnia, fobie, depressione, alcolismo e dipendenze patologiche, labilità emotiva, incubi e perdita di interesse per la vita, possono essere sperimentati a seguito del Trauma. Allo stesso tempo, il ricordo completo dell’esperienza potrebbe non essere disponibile alla persona nella quotidianità.

 

Questi sintomi possono presentarsi immediatamente o dopo diverso tempo dall’evento traumatico. Nel primo caso, si parla di Disturbo Acuto da Stress (DAS), se ha una durata inferiore al mese. Si parla invece per Disturbo Post Traumatico da Stress quando la sintomatologia si presenta per periodi prolungati (DPTS acuto o cronico) e può evidenziarsi anche mesi o anni dopo il trauma (DPTS ad esordio ritardato).

 

Al di là dei sintomi specifici citati dai Manuali Diagnostici, numerose sono le condizioni cliniche che spesso risultano legate ad esperienze traumatiche pregresse, in particolare ansiadepressione e disturbi dell’umore, disturbi sessualidisturbi dell’alimentazionedisturbi dissociativi e somatizzazioni. Sono sempre maggiori inoltre le evidenze a favore del collegamento dello Stress Post Traumatico con episodi Psicotici differenti dalla Schizofrenia o da forme Psicotiche più comuni, come la Depressione Psicotica.

In alcuni casi si riscontra un miglioramento del quadro clinico col passare del tempo, sono però comuni situazioni in cui la sintomatologia rimane uguale per tantissimi anni o addirittura peggiora, in assenza di trattamento. Le caratteristiche dell’evento, il periodo della vita in cui il soggetto lo sperimenta nonché le caratteristiche del soggetto stesso, l’esordio immediato o tardivo rispetto al trauma, l’essersi sottoposti ad una terapia specifica, sono tutti aspetti che si sono mostrati legati al tipo di Decorso che il Disturbo avrà, e quindi alla sua Prognosi.

  • Translate

      Translate to: